Business App

Cosa accade quando una proposta non viene accettata dal cliente

Cosa accade quando una proposta non viene accettata dal cliente

Ultimo aggiornamento:

L’articolo di oggi è un po’ diverso da quelli che abbiamo fatto finora, riguarda infatti il modo con il quale ci rapportiamo con le aziende, siano esse già nostri clienti o solo potenziali, e del tipo di rapporto che instauriamo. Come abbiamo sottolineato più volte, amiamo il nostro lavoro, oltre al grandissimo impegno dietro vi è una sincera passione e ci rende felici anche solo constatare che i nostri consigli e le nostre idee per dei progetti mobile si concretizzano, seppur a realizzare l’applicazione sia un altro sviluppatore.

Per spiegarvi meglio ciò che vogliamo dirvi vi raccontiamo dunque ciò che è successo con una start-up che ha appena lanciato un innovativo servizio a domicilio basato su un’applicazione Mobile per iOS e Android.

Circa un anno e mezzo fa siamo stati contattati da quest’azienda di cui, ovviamente, non possiamo fare il nome per motivi di privacy, ed abbiamo intrattenuto diverse conversazioni per definire il progetto. Abbiamo quindi elaborato una proposta articolata concernente la realizzazione delle applicazioni iOS e Android.

Dopo qualche tempo abbiamo ricevuto il tanto atteso riscontro: senza ricevere grandi spiegazioni, che tuttavia è normale in alcune circostanze, abbiamo appreso che l’azienda aveva deciso di rivolgersi ad altri fornitori. Si sa, non è mai piacevole ricevere un rifiuto e veder sfumare la possibilità di contribuire ad un progetto interessante e di un certo calibro, ma fa parte del cosiddetto “gioco del business”. Abbiamo quindi accettato il verdetto mantenendo la nostra più completa disponibilità per qualsiasi tipo di bisogno da parte del cliente.

Seriamente incuriositi, siamo rimasti in attesa di conoscere le sorti del progetto, di vedere il risultato finale e proprio in questi giorni l’attesa è finita e l’applicazione è uscita sugli Store. Il progetto ha quindi visto finalmente la luce e con non poco stupore abbiamo scoperto che la decisione di non affidare a noi lo sviluppo dell’app sembrerebbe esser stata dettata da motivi molto lontani dalla nostra proposta. Ovviamente, stiamo solo ipotizzando e non abbiamo alcuna certezza assoluta in merito, ma il fatto che abbiano creato uno spin-off di una start-up inglese ci fa pensare che abbiano optato per una strategia un poco diversa da quella di partenza. Infatti, si sono affidati in toto al team che sta dietro all’azienda inglese per realizzare il loro progetto, ed il risultato finale, cioè l’app, è di fatto identico a quella della controparte anglosassone.

Ripetiamo ancora una volta che non conosciamo i retroscena, tuttavia siamo molto felici perché in Nice APP amiamo sviluppare prodotti innovativi e far parte di progetti interessanti e facciamo di tutto per poter dare un contributo unico e costruttivo e a ben vedere questo progetto ha una struttura e delle caratteristiche che corrispondono a quelle che avevamo ipotizzato e descritto al cliente nella proposta. Questa è una grande soddisfazione per noi perché conferma la nostra capacità di immaginare il giusto prodotto anche per progetti molto importanti e innovativi.

In secondo luogo, siamo lieti proprio del fatto che l’applicazione abbia finalmente preso vita e che non abbia perso il carattere rivoluzionario che la contraddistingueva già in fase di brainstorming.

Adesso siamo curiosi di vedere come questo progetto evolverà e che tipo di aggiornamenti e funzionalità verranno via via proposti.