Business App

La migliore strategia per posizionarsi sugli App Store

La migliore strategia per posizionarsi sugli App Store

Ultimo aggiornamento:

Per rendere di successo un’applicazione mobile non basta svilupparla alla perfezione, serve farla conoscere. Uno degli aspetti fondamentali e per niente trascurabili, è quindi la comunicazione e la promozione delle singole app, sia quando sono vicine all’uscita negli App Store, sia quando sono state pubblicate e sono quindi pronte e disponibili per il download, gratuito o a pagamento che sia. Ecco che si intravede la necessità di emergere tra le tante app che quotidianamente vengono realizzate, necessità che può essere risolta con delle strategie specifiche, coma la ASO per esempio che sta per App Store Optimization, vale a dire l’ottimizzazione dell’App Store per essere tra i primi posti in classifica nelle liste delle applicazioni mobile.

Facente parte della strategia di marketing dell’app, la ASO andrebbe già presa in considerazione ed organizzata in fase iniziale, durante il braintstorming. Questo perché numerosi sono i fattori che possono determinare il successo di un’app, come il nome per esempio, ed essi andrebbero valutati in maniera coordinata e non separata. Quel che vogliamo dire è che oltre ad analizzare accuratamente gli App Store dal punto di vista dei trend, della concorrenza e delle ricerche che vengono qui effettuate da parte degli utenti, i nomi, payoff, descrizioni, parole chiave e tutti i contenuti testuali andrebbero scelti uno in funzione dell’altro e del contesto in cui si troveranno ad operare.

Spesso quando si ha un’idea si pensa che sia la migliore ed anche che il nome che ci è venuto in mente è perfetto, ma in realtà la fase del naming ha bisogno dei suoi tempi ed ha altresì bisogno, come abbiamo appena detto, di essere in linea con gli altri contenuti. Innanzitutto dovrebbe rispettare un certo limite di caratteri e dovrebbe poi avere un certo appeal e rispondere ad un’esigenza informativa, dovrebbe cioè già far capire o almeno intuire di che tipo di applicazione si tratta.Sulla falsa riga, andrebbero poi trovati gli utenti target dell’applicazione e le keyword con i quali entrare in contatto con loro. Per posizionarsi correttamente è molto importante scegliere le keyword giuste, vale a dire quelle più attinenti all’app e rilevanti per gli utenti, i quali solitamente ricercano sugli App Store digitando 2 o 3 parole al massimo. Si evince quindi che la scelta delle parole chiave da utilizzare per i propri titoli e descrizioni non può esser fatta in due minuti, ma arriva in seguito ad un’attenta ed approfondita analisi.
Le parole chiave servono dunque per la stesura dei testi descrittivi, i quali andrebbero organizzati soprattutto in paragrafi ed elenchi puntati perché oltre che ad essere graficamente più leggeri, incontrano di più il favore degli utenti i quali sono restii a leggere. A tal proposito si consiglia dunque di concentrarsi principalmente sulle prime 3 righe e di formare frasi corte, concise ed impattanti nelle quali mettere le funzionalità e i vantaggi che l’app presenta.

Finora abbiamo parlato di testi, ma essendo gli App Store delle vetrine virtuali, tanto spazio viene lasciato al visual, quindi un altro aspetto da prendere fortemente in considerazione è quello grafico. Le descrizioni andrebbero quindi corredate da screenshot accattivanti, che mostrino sì il funzionamento dell’app o quanto meno come è impostata e qual è il suo punto di forza, ma che siano al tempo stesso anche attraenti. Un’alternativa molto interessante agli screenshot è rappresentata dai video preview, i quali servono sempre per mostrare come l’app funzioni e che dovranno in ogni caso rispettare le linee guida dei singoli App Store.

Come sappiamo, infatti, Apple e Google presentano tante differenze, anche a livello di mobile store, quindi il discorso che abbiamo fatto finora andrebbe valutato in maniera duplice se si decide di fare due versioni della stessa app, vale a dire iOS ed Android. Bisognerebbe cercare di ottimizzare i contenuti in maniera tale che possano funzionare su entrambe le vetrine, o comunque sia cercare di adattarle al meglio per rispondere in modo ottimale alle singole tendenze ed abitudini d’uso.

Se desideri avere maggiori informazioni a riguardo, sia per supportare la promozione della tua app, sia per valutare la realizzazione di una nuova, contattaci senza impegno, saremo ben lieti di mettere a tuo servizio la nostra esperienza e consulenza.